Carattere PiccoloCarattere MedioCarattere Grande
Aliseo ISP
Home
Territorio
Gastronomia
Benessere
Aziende
Annunci
Utility
Blog
Links
News
 
San Martino in Pensilis - La Carrese
Foto
Capracotta - Sagra della Pezzata
 
   Sondaggi   
L' amore:
Vota  -  Risultati
Come giudichi il nuovo sito Molise.org?
Vota  -  Risultati
   Top Links   
 
    Territorio --> CB --> Comune di Tavenna    
Feste e Tradizioni
Madonna Incoronata | San Giorgio | Madonna di Montelateglia
Chiese
Chiesa S. Maria di Costantinopoli | Chiesa SS. Incoronata | Chiesa Montelateglia | Cappella S. Nicola di Bari
Storia
Cenni Storici
Nuova Pagina
Cenni Storici   
------------------------------

L’origine di Tavenna è relativamente recente, infatti, non si hanno notizie del paese anteriori al XIV secolo.
Sembra che questo comune abbia avuto origine essenzialmente grazie agli slavi immigrati nel periodo aragonese da Mafalda, S. Biase, S. Felice ed Acquaviva. Quest’origine risulta evidente leggendo i documenti del censimento del 1861, in questa data a Tavenna vi erano sessanta anziani slavi che non conoscevano per nulla l’italiano.
Si sa inoltre che nel 1608 il paese era chiamato “Casal Taverna”, nei registri parrocchiali del 1656 era invece “Casale di Tabenna”, infine nell’idioma slavo il suo nome è “Tàvela”.
Non si hanno notizie di Tavenna anteriori al 1354 e da questa data, fino alla fine della feudalità, il paese ebbe gli stessi intestatari di Palata.
Tavenna fu concessa, dal demanio, in feudo alla famiglia Ionata che conservò il comune fino al 1506.
Dopo questo periodo la famiglia si trasferì ad Agnone, i feudatari degli Ionata a Tavenna si conoscono, però, solo dal 1469.
In quest’anno Nicola Ionata ebbe in mano il feudo che lasciò in eredità al figlio Girolamo il quale lo conservò fino alla morte nel 1506.
L’ultimo erede fu Ottavio che, come detto, lasciò Tavenna nel 1506.
Il feudo passò in mano a Giovanni Orsini che, in ogni modo, si vide confiscati tutti i beni dal viceré di Napoli Filiberto di Challons.
Quest’ultimo divise in due parti il feudo dandone una a Clemente d’Isacar e l’altra ad Alvaro di Brancamonte.
Nella prima metà del XVII secolo, però, Tavenna cambiò nuovamente intestatario divenendo di Francesco Toraldo.
Questi nel 1646 divenne duca di Palata, ma dopo pochi anni vendette il feudo. Non si conoscono gli intestatari fino al 1699 quando Tavenna passò in mano alla famiglia Azlor Pallavicino Zapata dei duchi di Villa hermosa,questa apparteneva alla nobiltà iberica e conservò il borgo fino al 1806.
In questo periodo, precisamente nel 1749, nacque da Nicola ed Elisabetta Musacchio un abate chiamato Pietrabbondio Drusco.
Costui rimane importante perché il suo libro “Anarchia popolare di Napoli” ci da molte informazioni sulla storia della Repubblica Partenopea.
Questo testo venne scoperto e pubblicato solo alla fine dell’ottocento grazie al sig. Michele Arcella.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
US:  
PW:  
Entra
Non hai un account? Registrati
Hai perso la Password?
<giugno 2024>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Feedback | Disclaimer | Preferiti | StartPage | Invia Link
Privacy | Pubblicità | Credits
Aliseo ISP Tutti i diritti riservati
© Molise.Org
All rigths reserved
Molise.Org - Il portale di chi ama il Molise