Carattere PiccoloCarattere MedioCarattere Grande
Aliseo ISP
Home
Territorio
Gastronomia
Benessere
Aziende
Annunci
Utility
Blog
Links
News
 
Campobasso - Castello Monforte
Foto
Campobasso - L'infiorata
 
   Sondaggi   
L' amore:
Vota  -  Risultati
Come giudichi il nuovo sito Molise.org?
Vota  -  Risultati
   Top Links   
 
    Territorio --> CB --> Comune di Spinete    
Feste e Tradizioni
Il Majo | San Giovanni Battista
Castelli
Palazzo Marchesale
Chiese
Chiesa S. Maria Assunta | Cappella S. Rocco | Chiesa S. Giovanni | Chiesa Parrocchiale S. Pietro Apostolo
Storia
Cenni Storici
Nuova Pagina
Cenni Storici   
------------------------------

A differenza di molti altri agglomerati urbani molisani, quello di Spinete ha origini note, quasi ovvie.
Infatti, è un luogo ideale, o almeno lo era in quell’epoca, quando le popolazioni del luogo, prettamente agricole e pastorizie, praticavano annualmente la transumanza.
Infatti, gli antichi sanniti scelsero la zona, dove ora sorge il paese di circa millecinquecento residenti, come luogo ideale per riposarsi durante gli spostamenti con le greggi; ciò è giustificato dalle immense risorse naturali del luogo.
In quest’ambito non si può non parlare delle abbondanti sorgenti acquifere, queste risultavano vitali per i pastori che percorrevano la rotta “Pescasseroli ­ Candela”.
A questi vantaggi naturalistici se ne aggiungevano altri per così dire politici: infatti, il centro sorgeva a breve distanza dalla capitale del Sannio Pentro, ovvero Bovianum (l’attuale Bojano).
Il luogo, dopo le guerre sannitiche, passò, insieme a tutto il Sannio, in mano alla capitale che, come accadde spesso, ne fece un punto strategico per l’Impero. Ciò richiama ad altri centri molisani, come Sepino, che riuscirono ad evolversi solo dopo la conquista di Roma.
L’importanza di Spinete, inoltre, è attestata da molti documenti, risalenti addirittura al IV secolo a.C., che parlano della contrada di “Masseria Strada Vecchia”.
Riflettendo la storia della regione Molise o “Provincia di Molise” che dir si voglia, in seguito, il centro passò sotto la dominazione normanna.
Allora, come tutti sanno, vigeva la gerarchia feudale e l’intestatario era Giuliano di Castropignano.
Un discendete di questa stirpe, Vico di Castropignano, ebbe due figlie: Clarice e Tommasella.
Clarice sposò Giovanni d’Evoli; già Barone di Frosolone, che nel 1345 comprò la metà del feudo di Castropignano dalla cognata Tommasella, che l’aveva ricevuta in dote dal padre; in questo modo divenne padrone integrale di Castropignano e Spinete.
Successivamente, in seguito alla dominazione angioina, il centro passò in mano alla famiglia Capuano, alla quale s’avvicendò quella dei Sanfromondo.
La serie dei titolari feudali terminò con il marchese Nicola Imperato.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
US:  
PW:  
Entra
Non hai un account? Registrati
Hai perso la Password?
<giugno 2024>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Feedback | Disclaimer | Preferiti | StartPage | Invia Link
Privacy | Pubblicità | Credits
Molise.Org - Il portale di chi ama il Molise Tutti i diritti riservati
© Molise.Org
All rigths reserved
Aliseo ISP