Carattere PiccoloCarattere MedioCarattere Grande
Aliseo ISP
Home
Territorio
Gastronomia
Benessere
Aziende
Annunci
Utility
Blog
Links
News
 
Campodipietra - Jazz in Campo 2010
Foto
San Martino in Pensilis - La Carrese
 
   Sondaggi   
L' amore:
Vota  -  Risultati
Come giudichi il nuovo sito Molise.org?
Vota  -  Risultati
   Top Links   
 
    Territorio --> CB --> Comune di Sepino    
Feste e Tradizioni
Santa Cristina | Festa dell'Emigrante | Il Cartoccio
Chiese
Chiesa S. Cristina | Chiesa S. Lorenzo | Chiesa S. Maria Assunta | Convento SS. Trinita'
Storia
Cenni Storici
Archeologia
Altilia
Nuova Pagina
Cenni Storici   
------------------------------

Nel corso dei secoli Sepino ha avuto una triplice collocazione sul territorio.
La città sannita in località Terravecchia, la città romana in località Altilia ed infine la città medievale ed odierna in collina.
Si presume che il primo insediamento si sia addirittura avuto nella preistoria.
I sanniti s’insediarono in pianura nella valle del Tammaro, in una zona che rappresentava un importante luogo di scambio e pernottamento.
A protezione del sito si formò, sulla retrostante collina di Terravecchia (q. 953), la città fortificata sannita (Ocre Saipinatz, meglio conosciuta come Saipins) ed era una delle città più importanti del Sannio pentro.
Con la sconfitta dei sanniti, la città prese forma e si sviluppò intorno al nodo stradale caratterizzato dall’incrocio fra il tratturo principale, “decumano” ed il tratturello del Matese, “cardo”.
Successivamente alla guerra sociale (91-88 a. C.), il territorio fu organizzato secondo lo schema municipale romano.
Edifici pubblici, abitazioni private e monumenti conferirono a Saepinum l’impronta di una città imperiale romana.
La fine dell’impero ebbe ripercussioni anche su Saepinum.
Il crollo demografico e politico, aggravato dalla guerra goto-bizantina (535-553 d.C.), e le calamità naturali, come terremoti ed alluvioni, favorirono l’espandersi di zone acquitrinose e boschive che provocarono il progressivo abbandono del territorio da parte della popolazione.
Nel IX secolo fu distrutta dai saraceni e i superstiti si rifugiarono nel luogo dove sorge l’attuale paese.
Le prime notizie feudali di questo comune risalgono al 1119, anno in cui era feudo dei conti di Bojano che lo tennero fino al 1284.
In seguito ad alterne vicende cambiò vari signori, fra i quali i Cantelmo, i Di Capua, i Caracciolo, i Leonessa.
Questo cognome, a causa dell’estinzione del ramo maschile della casata, fu assunto dai Pignatelli di Monteroduni, che furono gli ultimi titolari del feudo con il titolo di principi Pignatelli della Leonessa.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
US:  
PW:  
Entra
Non hai un account? Registrati
Hai perso la Password?
<agosto 2020>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Feedback | Disclaimer | Preferiti | StartPage | Invia Link
Privacy | Pubblicità | Credits
Molise.Org - Il portale di chi ama il Molise Tutti i diritti riservati
© Molise.Org
All rigths reserved
Comune di Campomarino