Carattere PiccoloCarattere MedioCarattere Grande
Aliseo ISP
Home
Territorio
Gastronomia
Benessere
Aziende
Annunci
Utility
Blog
Links
News
 
San Martino in Pensilis - Chiesa e Convento francescano Gesù e Maria
Foto
Campobasso - Chiesa di San Giorgio
 
   Sondaggi   
L' amore:
Vota  -  Risultati
Come giudichi il nuovo sito Molise.org?
Vota  -  Risultati
   Top Links   
 
    Territorio --> CB --> Comune di San Giovanni in Galdo    
Feste e Tradizioni
L'Incoronata | San Giovanni Battista | Madonna del Carmine | Sacro Cuore | La Passione | Maurizio Vandelli
Chiese
Chiesa S. Germano | Cappella S. Maria del Carmine | Cappella SS. Annunciata | Ex-Chiesa Parrocchiale S. Giovanni Battista
Storia
Cenni Storici
Nuova Pagina
Cenni Storici   
------------------------------

L’origine di San Giovanni in Galdo è abbastanza conosciuta ed è posteriore all’anno Mille.
Vi è, però, un enigma che avvolge il nome e soprattutto l’origine dell’appellativo “in Galdo”.
Secondo varie fonti il paese sarebbe stato sottomesso ad una cittadina ormai scomparsa chiamata Gaudia o “Civitatis ad mare” (la sua esistenza è certificata da una bolla d’Innocenzo IV risalente al 1254), proprio a causa di questa subordinazione il paese accettò l’appellativo suddetto.
Quest’ultimo, però, cadde in disuso e fu restituito solo dopo il 1860 per distinguere il comune da altri omonimi presenti nel regno.
San Giovanni in Galdo fu concesso, dopo il declino della dominazione longobarda, in feudo alla badia di S. Sofia di Benevento, rimase un feudo ecclesiastico fino al 1785.
Alcuni sostengono, però, che il feudo sia appartenuto anche ai Conti di Molise che lo trasmisero ai Gambatesa o ai Monforte.
Queste opinioni, in ogni modo, non sono supportate da nessuna testimonianza concreta se non da alcune tradizioni orali e popolari.
Dal 1785, quindi, dopo la legge abolitiva, la giurisdizione del paese fu esercitata da un Governatore Regio.
Nel 1794, poi, Ferdinando IV di Borbone concesse l’amministrazione dei beni di S. Sofia al cardinale Fabrizio Ruffo, con obbligo di disporre soltanto dei due terzi delle rendite, il resto era riservato alla suddetta Curia.
In seguito agli eventi del 1799, anno in cui fu esiliata la famiglia reale, tutti i beni della curia di S. Sofia di Benevento passarono nelle mani di Fabrizio Ruffo. Quest’ultimo ricevette anche il diritto di nomina dell’abate “pro tempore” e l’unica condizione restrittiva imponeva che alla sua morte tutte le sue proprietà andassero al duca di Baranello.
San Giovanni in Galdo fu quindi una terra regia dal 1795 al 1806.

 
Modifica Pagina
 
 
Aggiungi Allegato
US:  
PW:  
Entra
Non hai un account? Registrati
Hai perso la Password?
<giugno 2024>
lmmgvsd
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Feedback | Disclaimer | Preferiti | StartPage | Invia Link
Privacy | Pubblicità | Credits
Molise.Org - Il portale di chi ama il Molise Tutti i diritti riservati
© Molise.Org
All rigths reserved
Aliseo ISP